Archivio mensile:maggio 2012

Crumble di ciliegie e mandorle

Standard

Ciliegie, ciliegie e ancora ciliegie! Parola d’ordine a maggio -giugno: Turi, ferrovia. “Ferrovia ” è la qualità di ciliegie prodotte con risultati eccellenti, e apprezzatissime in Italia e all’estero, nella zona di Turi, prov.Bari (vero Angela? ;-) ..) E quindi, oltre a magnarle così, “alla crudele”, sputacchiando allegramente i noccioli, diamo loro un’ulteriore ghiotta destinazione!
Ho letto una ricetta, si trattava di un crumble di ciliegie. Un paio di cose non mi convincevano, e quindi ho apprezzato l’idea ma l’ho rielaborata, e questo è il risultato:
dosi x 4 persone
una ventina di ciliegie “ferrovia”
un pugno di mandorle pelate
zucchero 80 gr
farina 80 gr
burro 60 gr

Togliere il burro dal frigo per ammorbidirlo un po’, snocciolare le ciliegie,
 mettere in una coppa il burro, la farina e lo zucchero . e lavorarli insieme,
Il composto non deve risultare omogeneo, quindi il fine sarà quello di sbriciolare  il più possibile il burro.
Unire le ciliegie e le mandorle,mescolarle per bene al composto,
Rivestire una teglia con carta da forno,  riempire col composto,40 minuti in forno preriscaldato a 200° e..
 BUON APPETITO!
 I gelsomini sono per Anna. Ti voglio bene.

Come si preparano i carciofini sott’olio

Standard

Ho intercettato un’occasione veramente ghiotta per la telecamera! Mi sono trovata casualmente (ahahahaha! Bugggia! Ero stata invitata a pranzo.. Ehm..) a casa della mia amica Katia mentre  con Giovanna e la mitica signora Raffaella, si prendevano decisioni importantissime per il pomeriggio successivo, riguardo una vagonata di carciofini da preparare per la conservazione sott’olio. E quindi, armata fino ai denti, mi sono catapultata. Il risultato? Innanzitutto un pomeriggio passato con delle Donne adorabili, e la “D” maiuscola è d’obbligo. Chapeau alla signora Raffaella, mamma di Giovanna, per la sua energia incredibile, per il suo entusiasmo, per averci  raccontato parti della sua vita intense e commoventi, per la sua grandissima esperienza di cucina che spero di poter condividere in altre occasioni. E standing ovation per Giovanna e Katia, con la loro preziosissima energia e simpatia.


Ma ora passo la linea ai carciofi:
Erano con noi:
180 carciofi piccolipiccoli
3 chili di limoni
acqua
2 litri di vino bianco
2 litri di aceto di vino bianco
un pugno di sale grosso
Olio e.v.o.
IMMANCABILI peperoncini calabresi freschi (a casa di Katia, il cui marito Antonio è calabrese, senza peperoncino calabrese nun se po’ sta’!)


Pulite accuratamente i carciofi, cioè, togliete la foglie più dure, i gambi, e tagliate la sommità. Strofinateli, uno alla volta, con mezzo limone.
Poi metteteli, interi, in una coppa con acqua e limoni tagliati a metà e spremuti .
I limoni servono per far sì che i carciofi non diventino scuri, cosa che succede, una volta puliti, in men che non si dica.
Mettete i 2 litri d’aceto e i 2 litri di vino in una pentola, con un pugno scarso di sale grosso, portate ad ebollizione. Scolate i carciofi nella coppa e versateli in pentola. Attendete che il liquido con i carciofi torni a bollire, aspettate giusto 2 o 3 minuti, scolate per bene i carciofi in uno scolapasta.
Sistemate i carciofi su un panno asciutto, coprterli e aspettate 24 ore.
Riempite vasi di vetro con i carciofi, aggiungete l’olio fino a colmare i vasi. Aromatizzateli come si preferisce, intervallando i carciofini, mentre li mettete nei vasi, ad esempio con:
aglio e prezzemolo, c’è chi invece preferisce le foglie di alloro (a me con l’alloro piacciono da morire), e c’è che non resiste al “piccantino” del peperoncino fresco calabrese, come Katia! :-), c’è chi , come la signora Raffaella, li prepara solo con l’olio, semplici ma efficacissimi!
Un consiglio: forse nel giro di 48 ore è necessario rabboccare un poco l’olio, quindi non avvitate definitivamente il coperchio dei vasi, e se vedete che il livello dell’olio scende, aggiungetene!
Dopo un mesetto saranno pronti per essere gustati ma se non resistete basteranno 2 settimane.
Ma il video è moolto più immediato di tutto ciò che ho scritto, quindi..
Buona visione!