Archivi tag: Tartufo

Crostini con burro tartufato e uova di quaglia

Standard

Finalmente una vera giornata autunnale propedeutica! Pioggia, un po’ di fresco e speriamo che abbiamo finito con quest’autunno primaverile che mi stressa e mi debilita. (digito da Bari..)
Il giorno in cui sono stati preparati questi crostini faceva caldo, ma… Non è stato davvero un ostacolo insormontabile per chi li ha divorati!
Dalla mia escursione molisana ho portato il bottino, ovvero un assortimento di prodotti a base di tartufo, e a casa dai masterchef Scannni si è subito trovato il modo di sfruttare la situazione al meglio: i crostini che vedrete in video sono una  vera e propria “contaminazione etnica”!:-)
Pane di Altamura, scamorza pugliesissima, uova di quaglia, burro al tartufo bianco… Ma Dario e Andrea non si sono “trattenuti”, il menu comprendeva anche, oltre ai “soliti” contorni, antipasti “della casa”, un delicato risotto al tartufo ed un originalissimo rotolo di mozzarella con frittata ai funghi cardoncelli e tartufo nero (altra evidente contaminazione etnica..).
Prima di tutto un po’ di foto della situazione,  Dario e Andrea bardati con un paio dei loro simpatici e numerosi grembiuloni, e poi la squisita videoricetta.

Dario con l’opportuno grembiulone

… E i grembiuloni diventano 2!

Ecco i crostini!

2 abili “spazzolatrici di crostini” in incognito!

Ed ora il video. Le Cime vi augurano buona visione!

Annunci

Me Gusta: Il Tartufo Del Molise

Standard

Stagione di tartufi, l’autunno chiama, il tartufo bianco risponde..
Il Molise è territorio di tartufi, e complice una telefonata “al volo” fatta ad Alessia, che con Nicoletta è titolare di Gustitaly, sito che propone un vasta ed appetitosa selezione di prodotti made in Molise, ho avuto la dritta per un’azienda molisana che col tartufo ci marcia alla grande!

La Di Iorio Tartufi è a Busso, provincia di Campobasso, neanche tanto distante dalla Puglia! E quindi l’escursione è d’uopo..

Il titolare, sig. Vincenzo, mi ha accolto con la gentilezza molisana che sempre decanto. La sua azienda, a conduzione familiare, si occupa della raccolta selezione e trasformazione del tartufo.

Ho avuto la fortuna di annusare i tartufi freschi di giornata appena raccolti dallo zio di Vincenzo e portati in azienda, c’era il bianco, e c’era anche il nero uncinato, una qualità invernale, diverso dal nero estivo. E poi una varietà di invitanti vasi e vasetti pieni di deliziose preparazioni..  Ho fatto un’interessante chiacchierata col sig. Vincenzo che mi ha parlato della tradizione tartufara della sua famiglia, che parte da suo nonno, e continua. La passione per il loro lavoro è evidente: ci sono i cani da tartufo, ci sono le foto di tartufi dalla strabiliante pezzatura, c’è il laboratorio dove si producono continuamente i numerosi prodotti a base di tartufo che vendono in tutta Italia e in tutta Europa.

Il sig. Vincenzo mi ha raccontato che la tradizione tartufara di quella zona è relativamente recente, risale agli anni 80. Prima di quel periodo scendevano in Molise i tartufari dall’Emilia Romagna, muniti di cani, e facevano il loro bel bottino, ma adesso.. Il bottino lo faccio io! :-)

Sempre provvista di mezzi più o meno potenti (vabbè, meno..), ho girato un improvvisato ma esaustivo filmatino, che spero vi piaccia. E prossimamente un paio di videoricettine con le prelibatezze di questa azienda che a me sta davvero tanto, tanto simpatica!

(Esubero di foto? Click compulsivo come sempre? Contrabbando materiali di risulta? Tutto ciò non è più un problema, c’è il newborn “MandaLaSmart!!” che vede e provvede! un blog ad “imperitura memoria”! Il resto del lavoro è su MandaLaSmart!!)